Servizi officina cambi automatici di Mirco Pratelli

  1. Riparazione cambi automatici
  2. Revisione ripartitori
  3. Revisione differenziali
  4. Revisione convertitori
  5. Revisione centraline

Altri servizi della nostra officina cambi automatici:

  • Assistenza su tutte le marche e modelli europei e di importazione
  • Manutenzione periodica con attrezzature specifiche (tagliando cambio automatico)
  • Ricambi (magazzino ricambi per tutte le marche e modelli)
  • Ritiro e riconsegna con corriere convenzionato
  • Servizio carro attrezzi
  • Garanzia sulla revisione cambi automatici
  • Altri servizi dell’autofficina
  • Diagnosi elettronica con strumenti specifici
  • Riprogrammazione dell’intera vettura come in concessionaria
  • Banchi prova ed attrezzature di ultima generazione
  • Assistenza su tutte le marche: Alfa Romeo, Audi, Chevrolet, Chrysler, Citroen, Fiat, Daewoo, Honda, Jaguar, Jeep, Range Rover, Land Rover, Mercedes-Benz, Mitsubishi, Mini, Opel, Peugeot, Porsche, Saab, Smart, Seat, Skoda, Volvo, Lamborghini, Toyota, Volkswagen, Ford, Nissan, Bmw, Kia, Mazda, Mitsubishi, Renault, Suzuki, Hyundai, Chrysler

Revisione cambio automatico | L’importanza della manutenzione

Il cambio si comporta in modo strano. Inusuale. Ma si. Non sarà nulla. Stiamo a vedere. Magari quel rumorino smette.

E invece non smette. Anzi. Peggiora.

Vediamo cosa dice il meccanico. Al prossimo tagliando glielo segnalo.

Responso. Cambio rotto. (Se il meccanico si intende di cambi automatici, altrimenti è probabile che intervenga sulla vettura facendo ulteriori danni).

E adesso cosa si fa?

Semplice, si sborsano alcune migliaia di euro perché la casa madre non prevede la revisione. Si limita a sostituire il pezzo.

E quindi?

E quindi:
1) appena senti un rumore sul cambio o quest’ultimo si comporta in modo strano corri dal meccanico. Non aspettare!
2) se ti è possibile recati da un meccanico esperto in cambi automatici. Non sono molti in realtà. Molti si promuovono come tali ma poi mandano il cambio ad un’officina esperta in cambi automatici per la revisione. O peggio, usano il tuo cambio come “cavia” per fare esperienza e che Dio ce la mandi buona. Se ci sono problemi vedremo poi come risolverli.
3) la manutenzione! Questa sconosciuta. Inutile intervenire quando i buoi sono usciti dal recinto. E’ troppo tardi! Se ormai il cambio è rotto, la frittata è fatta. Ma con una buona manutenzione oltre a mantenere in salute il cambio, un tecnico esperto in cambi automatici coglie l’occasione per dargli una controllata. E’ per questo che il tagliando al cambio in sé è abbastanza facile. Basta usare qualche accorgimento (che comunque non tutti conoscono). E’ il controllo che viene fatto durante il tagliando che fa la differenza.

Revisione dei cambi automatici | Tecnico specializzato in cambi automatici

Mirco Pratelli si è formato in Italia e all’estero. Ha una lunga esperienza nella revisione dei cambi automatici, ma anche nella revisione di ripartitori, nella revisione di differenziali, nella revisione di convertitori e nella revisione di centraline.

Mirco non è un semplice meccanico. Lavora sulle autovetture fin dagli anni ’90 e la passione per i cambi automatici e le loro problematiche l’ha spinto a comprare manuali in americano, a frequentare fiere di settore, ad aggiornarsi con webinar online e a spostarsi all’Estero per confrontarsi con esperti di altri Paesi.

Revisione del cambio automatico | Come interveniamo sulle trasmissioni automatiche

Prima di qualsiasi revisione, Mirco esamina con attenzione gli spaccati e i bollettini di assistenza tecnica per eventuali richiami o modifiche suggerite dal produttore per il tuo veicolo. Non si tratta di una cosa scontata. Molti tecnici aprono direttamente il cambio senza alcun tipo di preparazione.

Per iniziare la revisione, la trasmissione viene smontata dalla vettura e aperta, quindi si procede al lavaggio, dopo il quale Mirco esamina con attenzione ogni singola parte del cambio in cerca di difetti, usure e danni.

A quel punto:

  • se si procede con una riparazione del cambio vengono riutilizzati alcuni componenti mentre altri vengono sostituiti
  • se si procede con una revisione del cambio, viene sostituita ogni singola parte e viene mantenuta solo la carcassa esterna

Magazzino ricambi per cambi automatici di tutte le marche

Tra i vari servizi che offriamo, c’è anche quello di vendita ricambi per cambi automatici di tutte le marche.

Essendo un’officina specializzata in cambi automatici che offre assistenza su tutti i marchi, abbiamo un’ottima disponibilità di ricambi che per trasmissioni automatiche, per cambi robotizzati e per cambi manuali.

Siamo in grado di spedire i nostri ricambi a mezzo corriere in tempi contenuti.

Professionalità, disponibilità e cortesia sono i punti cardine che ci permettono ancora oggi di garantire ai nostri clienti un servizio di elevata qualità. Siamo sempre attenti alle novità del mercato e i nostri tecnici si aggiornano continuamente per offrire un servizio di assistenza ai cambi automatici mirato e competente.

Abbiamo stipulato contratti con corrieri per offrire la nostra assistenza tecnica sui cambi automatici in tutta l’Italia a prezzi concorrenziali.

Assistenza telefonica gratuita

Mirco Pratelli offre la propria assistenza telefonica gratuita per cambi automatici di tutte le marche sia ai privati che agli operatori del settore, in particolar modo officine generiche che hanno necessità di fornire assistenza ai loro clienti per la rottura o il malfunzionamento del cambio automatico della loro vettura. Molte anomalie infatti, riguardando nello specifico le trasmissioni automatiche, sono difficili da diagnosticare. Ci vogliono strumenti di diagnosi specifici ed una lunga esperienza nel settore delle trasmissioni, e ogni marchio ha i suoi problemi. Ecco perché un meccanico generico non può assolutamente intervenire in modo professionale su un cambio automatico o robotizzato. Non perché non sia bravo nel suo mestiere, ma perché questo in realtà è un mestiere totalmente diverso, dove si lavora a banco su alcune parti specifiche della vettura. Sarebbe impossibile per chiunque avere esperienza nella revisione di ogni singolo ricambio di un’auto. Per tale ragione ad esempio, nel caso dei cambi automatici, nascono tecnici specializzati che si formano per anni e strutturano la loro azienda per fornire assistenza su questa parte della vettura. Come?

  • Formandosi continuamente (e i corsi di aggiornamento costano tanto, specialmente quando tecnici come Mirco non si limitano a formarsi in Italia ma si spostano periodicamente anche all’Estero)
  • Investendo in costose attrezzature per effettuare diagnosi, manutenzione, riparazione e revisione di tutto il cambio automatico o di alcune parti di esso (ripartitore, differenziale, convertitore, centralina)
  • Formando un team di esperti ed aggiornandolo continuamente per offrire un’assistenza tecnica veloce e puntuale ai clienti a prezzi competitivi

Perché fare una diagnosi al cambio automatico richiede esperienza

Un altro problema non di poco conto è quello delle Assicurazioni che, quando devono rifondere un danno specifico, non sanno valutare se sia riconducibile o meno all’usura, alle mancate manutenzioni al cambio, a componenti esterni che nella maggior parte dei casi non rientrano nella copertura. Ecco perché normalmente si avvalgono del supporto tecnico delle officine esperte in cambi automatici. Infatti il parere di un esperto è necessario per avere un’idea del costo che occorrerà affrontare e delle possibili alternative.

Ci sono talmente tante variabili da considerare quando si effettua una diagnosi ad un cambio automatico, che difficilmente un meccanico generico seppure molto esperto sarà in grado di valutare. Spesso il difetto non è chiaro e magari è sporadico. Questi sono i casi più difficili da risolvere ed è qui che entra in gioco il tecnico specializzato nella riparazione dei cambi automatici.

L’assistenza telefonica dei nostri esperti dunque è fondamentale perché ci consente di seguire il cliente fin dall’inizio, per aiutarlo a risolvere il problema del cambio automatico con professionalità e fornire già da subito un servizio di qualità ed un valido supporto per districare parte di quel groviglio che nasce dal “sentito dire” o dalle informazioni spesso forvianti o grossolane fornite da chi parla senza aver mai toccato un cambio automatico.

Molti meccanici, non sapendo quali pesci prendere, girano attorno al problema senza fornire risposte. Noi normalmente chiediamo di recarsi in officina con la vettura, se marciante, o provvediamo a ritirarla per poter testare il cambio e fornire una diagnosi precisa. Senza di essa infatti è quantomeno ottimistico pensare di poter fare un preventivo serio, che non richieda future correzioni anche importanti.

Per noi la trasparenza è tutto. Vogliamo clienti felici, perché la soddisfazione dei nostri clienti ci ripaga dell’impegno che mettiamo ogni giorno nel nostro lavoro.

Revisione cambi automatici robotizzati

A partire dalla metà degli anni ’90 le case automobilistiche hanno cominciato ad installare sulle vetture il cambio robotizzato. Il sistema di azionamento era l’AMT (Automated Manual Transmission). Strutturalmente era come il cambio manuale, ma a differenza di questo presentava un sistema di controllo automatico della frizione e delle marce.

I vantaggi erano tanti:

  • la facilità d’uso
  • il consumo energetico efficiente
  • l’affidabilità
  • il costo relativamente basso, paragonato a quello del classico cambio automatico

Si trattava in sostanza di un cambio manuale le cui funzioni vengono attivate  tramite un attuatore elettroidraulico o, in certi casi, elettromeccanico, installato sopra allo stesso.

Con il trascorrere del tempo questo tipo di sistema ha preso piede soprattutto con applicazione su modelli di fascia medio bassa.

L’AMT può funzionare in due modalità:

  1. semi-automatica, che richiede la selezione della marcia attraverso l’uso di una leva presente nella consolle centrale o delle palette/interruttori sottosterzo
  2. automatica, dove il cambio marcia viene interamente gestito dal sistema elettronico, i cui componenti sono: centralina, sensori di ingresso, meccanismi di attuazione.

I cambi manuali automatizzati a doppia frizione più diffusi sono: 

  • DCT M Drivelogic (BMW);
  • PDK (Porsche);
  • DSG (Volkswagen);
  • Speedshift DCT (Mercedes-Benz);
  • Powershift (Ford, Volvo);
  • S-Tronic (Audi);
  • Twin Clutch SST (Mitsubishi);
  • TCT (Alfa Romeo).

Si hanno due tipi di AMT, in funzione del tipo di frizione e trasmissione ad ingranaggi: 

  1. Ad azionamento elettrico.
    • Allshift (Mitsubishi);
    • Durashift EST (Ford);
    • Dualogic (Fiat);
    • MultiMode (Toyota);
    • Easytronic (Opel);
    • 2-Tronic (Peugeot);
    • SensoDrive (Citroën).
  2. Ad azionamento idraulico.
    • SMG (BMW);
    • Selespeed (Alfa Romeo);
    • R-Tronic (Audi);
    • Quickshift (Renault);
    • ISR (Lamborghini).

Gli attuatori dell’AMT con azionamento elettrico sono dei motori elettrici.
Gli attuatori dell’AMT nel caso dell’azionamento idraulico sono dei cilindri idraulici controllati da valvole elettromagnetiche.

Il sistema di controllo dell’AMT con azionamento idraulico comprende un’unità di controllo idraulico utile a controllare il funzionamento dei cilindri idraulici e mantenere la pressione nel sistema.

La trasmissione idraulica, a differenza di quella elettrica, necessita di un quantitativo energetico maggiore utile a mantenere la pressione del sistema.

Il vantaggio della trasmissione idraulica rispetto a quella elettrica risiede nella elevata velocità di funzionamento.

La centralina analizza le informazioni in ingresso, in particolare quelle relative alla temperatura e alla pressione dell’olio, la posizione del selettore e la forcella della frizione. A seguito dell’analisi dei dati ricevuti, invia i comandi ai meccanismi di attuazione.

L’AMT è dotata di una frizione ad attrito. Alcune auto moderne sono dotate del cambio a doppia frizione. Quest’ultimo trasmette la coppia dal motore all’albero di trasmissione senza dover interrompere la trasmissione di potenza.

Trattandosi di un cambio manuale con successiva applicazione, il costo di produzione risulta inferiore rispetto alla trasmissione automatica tradizionale con l’ulteriore vantaggio di poterne comunque ricreare il confort e la semplicità di utilizzo.

Ovviamente la pubblicità ha fatto il resto, indicando in modo a volte forviante il cambio robotizzato come cambio automatico “di serie”. Poco male se non fosse che spesso, chi acquista, non sa cosa sta comprando ed in caso di rottura non sa a chi rivolgersi.

Pertanto, poiché si facevano sempre più frequenti le richieste di intervento, da qualche anno abbiamo deciso di aggiungere tra i nostri servizi anche la riparazione / revisione non del cambio manuale (non di nostra competenza diretta) ma del meccanismo che funge da “simulatore” di cambiata, ossia dell’attuatore.

Nonostante il tutto sia molto più semplice rispetto ad una trasmissione automatica, necessitiamo a volte della vettura in sede poiché, anche una volta sistemato il meccanismo interessato, potrebbero permanere anomalie derivanti da altri gruppi o da usure interne. In tal caso, con la vettura in loco ed avendo eseguito adeguati spurghi e programmazioni, vi potremo indicare dove intervenire.

Qualora fosse possibile l’invio del gruppo smontato di norma lavoriamo il gruppo del cliente, sulla base dei difetti che verranno riportati sull’apposita scheda tecnica. Se invece vi è la possibilità di poter fornire un gruppo di giro rimane valida la necessità di ricevere una scheda tecnica (che ci permetterà di lavorare al meglio il gruppo fuori uso) e richiederemo comunque l’invio dell’attuatore originale prima della fornitura del pronto, sia per evitare inutili addebiti di “core”, sia per il confronto dei particolari.

Ad ogni modo è sempre gradito e necessario un contatto telefonico.